SEZIONI

 295 total views,  1 views today

Cavai che ara, cavalanti che giöga 'la mùra...

“Cavàj che ara, / cavalanti che giöga ‘ la mura, / travaj sü l’èra, / dal prim barlüm fin a basura. / Üšéi che cipa, / pasa’l murnè cun la bareta, / riva ‘l Balila cu’i bidòn, / el garšunìn cu’l tumarél, / dü cavalòn cu’l car de fen, / el calesìn del marengòn / e la cavala cu’l renghìn. / Un por paišàn cu’l sanmartìn, / el caretìn del frà cercòn. / E finalment se smorfa ‘l sul… / Cavàl d’avena, cavàl de lena:

se sent picà sü’ i batifianchi; / intant ch’i mangiu spunta la lüna / ne la puešia d’i mè ricordi / quan sari ‘ ögi e vò ‘n po’ ‘nsema… / par tüt cunfüš suta la brüma / ma la memoria la se stüna / la vör rivive l’armunia d’una stagiòn fin trop luntana / mai pü rüfiana. //

Ne la casìna piena de laurà el cavàl fin a la fin d’i ani ’40 la fèa da padròn. El Capcavalant el cüreva cavàj, müj e bö da laurà e ‘l rispundeva del stalìn due gh’era i cavaj üngheresi da tir p’r i laurà d’i campi diviši da baterie de batifianchi ch’i fevu da casa armonica ai culpi d’i socui feràdi dal frè. L’er semp’r a la testa d’la prima cubia de bestie che laseva la casìna; el gh’eva suta 15 –  20 persune. I cavàj i eru püsè preciši e svelti, i bö püsè lenti e putenti, ligadi al šuf, el giögh, e guidadi cul stumbul o giadél; i cavàj i gh’evu’l sut pansa, la culàna e le redine. Se furmeva squadre da bö e squadre da cavàj, cun garšòn e buè. Tigliòn dopu le scole l’avarés fai el cavalantìn ma nonu Custant, per sò fürtüna,  l’à vursüd no: la legnada ‘l caval l’èva mis en suspèt, l’eva mis fin a’n mund de rispèt e ‘n’èva  cuminciàd vün che deva legnade an a la gent. Nel ‘43 Aldo el gh’eva 13 ani e ‘na bèla cavala sturna che ‘l cumpagneva ‘n gropa ‘ arà ‘n d’i campi cu’ la seloria. Sichè, un sulch una rava, una rava ‘n sulch sensa pusà’n secund; quan la cavala la s’è stüfìda, al post d’la rava l’à ciapàd p’r i strasi ‘l biulch e l’à levàd de peš p’r un para d’minüti lunghi ‘me la campagna amò da arà. ‘Vot gravalòn la mort d’un om’: èl terén l’era trop sech, sichè stavolta un cavalòn baj de quasi deš quintàj davanti e ’n para de bö tacadi al šuf i tirevu la seloria ‘ la bèl e mèj; quan fü staj ch’i èn rivàdi ‘n gabada, chisà ‘m’i àn fai, i àn pestàd un nin de gravalòn. Quandu maj: el padròn l’è scapàd de cursa nel menter i dü bö e’l baj i àn ciapàd la strada de cà tirendes adré arà e tüti ‘ catanàj. Quan i èn rivàdi ‘n casìna altra vienda: i  bö i vurevu’ndà ‘n d’la sò staleta e ‘l cavàl nel sò stalìn. À vensüd la magiuransa e’l cavàl, p’r una volta,  l’à cedüd el pas. Nel menter Pipo el riveva da la culina cu’ ‘na biguncia de vint quintàj d’üga, cun la gimbarda e la manganiga, sensa ‘na piega.

Ah, ‘na roba: ‘ndè ‘ cà driti perché se ve fermì cu’ la dona a ogni festa e cu’l cavàl a ogni funtana, in cò d’l’anada el cavàl l’è buls e la dona ‘na giavana. Fighi Mariana…

Tino.vet

“Cavalli che arano, / cavallanti che giocano alla morra, / trambusto sull’aia, / dal primo barlume fino a sera. / Uccelli che cinguettano; / passa il mugnaio con la baretta, / arriva il ‘Balila’ coi bidoni, / il garzoncino col carro a due ruote, / due cavalloni col carro di fieno, / il calesse del carradore, / la cavallina col ranghinatore. / Un povero contadino col ‘San Martino’, / il carretto del frate cappuccino. / E finalmente si spegne il sole… / ‘cavallo d’avena cavallo di lena’, / si sente picchiare sui battifianchi; / nel mentre spunta la luna, / nella poesia dei miei ricordi, / quando chiudo gli occhi e mi perdo nel sogno… / Sembra tutto confuso sotto la bruma, / ma la memoria si ostina, / vuole rivivere l’armonia / di una stagione fin troppo lontana, / affatto ruffiana. //

Nella cascina gravida di lavoro il cavallo fino agli anni ’40 la faceva da padrone. Il capo cavallante si prendeva cura di cavalli, muli e buoi da lavoro ed era responsabile della scuderia dove stavano i cavalli da tiro ungheresi divisi da battifianchi di legno che facevano da cassa armonica ai colpi degli zoccoli ferrati dal fabbro. Egli era sempre alla testa della prima coppia di animali che lasciava la cascina; comandava 15 – 20 uomini. I cavalli erano più precisi e svelti, avevano il sottopancia, la collana e le redini. I buoi più lenti e potenti, aggiogati e guidati col pungolo.

Si formavano squadre di buoi e di cavalli, con garzoni e bovari. Papà dopo le scuole avrebbe dovuto fare lo stalliere ma nonno Costante, per sua fortuna, non fu d’accordo: le percosse al cavallo l’avevano insospettito, avevano messo fine a un mondo basato sul rispetto e ne avevano iniziato uno che avrebbe bastonato le persone. Nel ’43 Aldo aveva 13 anni e una bella cavalla storna che cavalcava fin nei campi da arare: un solco una rapa, una rapa un solco, senza riposare un secondo. Stufa, la cavalla, al posto della rapa,  prese per gli stracci il bifolco alzandolo di peso per un tempo lungo quanto la campagna ancora da arare. ‘Otto calabroni la morte di un uomo’: il terreno era troppo secco, un baio di quasi 10 quintali, davanti, e una coppia di buoi, dietro, lo aravano alla bell’e meglio. Arrivati al limite del campo erano incappati in un nido di calabroni. Il padrone se la diede a gambe, i due buoi ed il baio presero la via di casa trascinando aratro e aggeggi vari. Arrivati, altro dilemma: i buoi volevano tornare nella loro  stalletta e il baio nella sua scuderia. La spuntò la maggioranza ed il cavallo dovette cedere il passo. Nel mentre Pippo arrivava dalla collina con la bigoncia e 20 quintali d’uva, con la gimbarda e la manganiga, senza una piega. Ah, una dritta: ‘Tornate a casa senza indugio, perché se vi fermate con la moglie ad ogni festa e col cavallo ad ogni fontana, a fine anno il cavallo è bolso e la moglie una cortigiana.’ Uomo avvisato…

 

Tino.vet

Facebook
WhatsApp
Telegram
Twitter
Print
Email
LinkedIn