1,816 total views,  15 views today

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on print

26 marzo 1973: India: nasce il Movimento Chipko per la salvaguardia e conservazione della foresta

26 marzo 1973: India: nasce il Movimento Chipko per la salvaguardia e conservazione della foresta

Il movimento Chipko o Chipko Andolan , era un movimento per la conservazione delle foreste in India . È iniziato nel 1973 nell’Uttarakhand, poi una parte dell’Uttar Pradesh (ai piedi dell’Himalaya) e ha continuato a diventare un punto di incontro per molti futuri movimenti ambientalisti in tutto il mondo. Ha creato un precedente per l’avvio della protesta nonviolenta in India.

Tuttavia, è stato Sunderlal Bahuguna, un attivista gandhiano, che ha dato al movimento una direzione adeguata e il suo successo ha fatto sì che il mondo abbia immediatamente notato questo movimento non violento, che avrebbe ispirato nel tempo molti eco-gruppi simili aiutando a rallentare la rapida deforestazione, esporre interessi acquisiti, aumentare la consapevolezza sociale e la necessità di salvare alberi, aumentare la consapevolezza ecologica e dimostrare la vitalità del potere delle persone. Ha usato lo slogan “L’ ecologia è l’economia permanente“.

Soprattutto, ha suscitato la società civile esistente in India, che ha iniziato ad affrontare le questioni delle persone tribali ed emarginate. Ed è vero che il sostegno al movimento è venuto principalmente dalle donne.

Oggi, viene visto sempre più come un movimento ecofemminista, sebbene molti dei suoi leader fossero uomini, le donne non erano solo la sua spina dorsale, ma anche il suo pilastro, perché erano quelle più colpite dalla dilagante deforestazione, che portò alla mancanza di legna da ardere e foraggio, nonché di acqua da bere. e irrigazione.

 

 

Nel corso degli anni sono diventati anche le parti interessate principali nella maggior parte del lavoro di rimboschimento svolto sotto il movimento Chipko. Nel 1987, il movimento Chipko ricevette il Right Livelihood Award “per la sua dedizione alla conservazione, al restauro e all’uso ecologicamente corretto delle risorse naturali dell’India”.  Movimento Chipko: uno dei movimenti più forti per la conservazione delle foreste in India. I movimenti di tipo Chipko risalgono al 1730 d.C. quando nel villaggio di Prasanna Khamkar del Rajasthan, 363 Bishnois sacrificarono le loro vite per salvare gli alberi di Khejri.

Chipko" in Hindi significa "aggrapparsi"

Chipko” in Hindi significa “aggrapparsi”, ad indicare la principale tecnica delle protestatarie: abbracciare gli alberi destinati ad essere tagliati, e rifiutare di muoversi.

La partecipazione delle donne al movimento può essere rintracciata in una remota cittadina collinare dove a un imprenditore nel 1973 era stata data l’autorizzazione statale ad abbattere 3000 alberi per una fabbrica di articoli sportivi. La zona era stata già pericolosamente spogliata. Nel momento in cui era previsto che arrivassero i taglialegna, gli uomini furono attirati fuori dal villaggio con una scusa, lasciando le donne a casa a sbrigare le incombenze domestiche. Appena apparvero i taglialegna, risuonò un allarme e la donna a capo del villaggio, una vedova cinquantenne, radunò ventisette donne e insieme corsero nella foresta. Le donne supplicarono i taglialegna, chiamando la foresta la loro “casa materna”, e spiegando le conseguenze del taglio degli alberi. I taglialegna, tra le grida e con violenza, minacciarono le donne con le armi. Le donne a loro volta minacciarono di abbracciare gli alberi contrassegnati e di morire con essi. E funzionò! I lavoratori fiaccati nel morale se ne andarono, l’imprenditore recedette dal suo proposito. Nel 1974, alcune donne di un’area vicina usarono la stessa tecnica di abbracciare gli alberi per protestare contro lo spianamento delle foreste delle loro terre. E nel 1977, in un’ altra area, le donne legarono sacri nastri intorno agli alberi destinati a morire.. un gesto simbolico nel costume Hindu, che indica il legame delle relazioni fratello-sorella. Dichiararono che i loro alberi sarebbero stati preservati anche a costo delle loro vite.
Negli anni ’80 le idee del movimento Chipko si diffusero, spesso tra donne che ne parlavano nei luoghi di raccolta dell’acqua, sui sentieri dei villaggi, e nei mercati. Le donne decisero che non erano impotenti; c’erano azioni che potevano prendere e un movimento che le avrebbe supportate.

Furono create canzoni e slogan.

Quando un’imprenditore dice loro:

“Voi stupide donne di paese, lo sapete che cosa fruttano queste foreste?
Resina, legno, e tanta valuta straniera!”

Le donne rispondono:

“Sì, lo sappiamo. Cosa fruttano le foreste!

“Terra, acqua, ed aria pura, terra, acqua, ed aria pura.”

Il movimento diventa fonte di ispirazione per salvaguardare il pianeta dalla cementificaziione

Negli ultimi anni, il movimento non solo ha ispirato numerose persone a lavorare su programmi pratici di gestione dell’acqua, risparmio energetico, imboschimento e riciclaggio, ma ha anche incoraggiato gli studiosi a iniziare a studiare questioni di degrado ambientale e metodi di conservazione in Himalaya e in tutta l’India.

Il 26 marzo 2004, Reni, Laata e altri villaggi della Valle di Niti hanno celebrato il 30 ° anniversario del movimento Chipko, dove si sono uniti tutti i partecipanti originali sopravvissuti. Le celebrazioni sono iniziate a Laata, la casa ancestrale di Gaura Devi, dove sono stati celebrati Pushpa Devi, moglie del defunto Leader Chipko Govind Singh Rawat, Dhoom Singh Negi, leader Chipko di Henwalghati, Tehri Garhwal e altri. Da qui una processione andò a Reni, il villaggio vicino, dove il 26 marzo 1974 ebbe luogo l’attuale azione di Chipko.  Ciò segnò l’inizio di metodi mondiali per migliorare la situazione attuale. Recentemente, seguendo l’eredità del movimento Chipko, nel 2017 la rapida deforestazione sugli alberi secolari, formando quasi una chioma Anche nella Jessore Road del distretto di North 24 Parganas, West Bengal, si è scatenato un enorme movimento sotto forma di campagna per salvare 4000 alberi da parte delle masse locali.

Il 26 marzo 2018, un’iniziativa di conservazione del movimento Chipko è stata contrassegnata da Google Doodle nel suo 45° anniversario.